“Chiamate un dottore!”, dal 10 settembre al cinema una nuova brillante commedia francese

Il cinema francese ha sempre prodotto delle commedie così divertenti e ben scritte da superare il confine e conquistare il cuore del pubblico italiano.

Scheda Film

Il cinema francese ha sempre prodotto delle commedie così divertenti e ben scritte da superare il confine e conquistare il cuore del pubblico italiano.
Chiamate un dottore!, il film scritto e diretto da Tristan Séguéla, possiede gli ingredienti giusti per chi è alla ricerca di una commedia che sia davvero brillante e originale: una comicità attuale e mai banale, due attori perfetti per i loro ruoli, e una storia che riesce ad andare oltre al “semplice” far ridere.
L’idea di questo film, come dichiarato dallo stesso Séguéla, gravitava da molto tempo nella testa del regista, che per realizzarlo ha messo insieme due figure a lui molto care, entrambe dottori. La prima è quella di suo nonno, che ricorda come un uomo burbero e annoiato, che negli anni si era stancato della sua professione. L’altra è un amico personale del regista, un giovane medico animato invece dal fuoco sacro, che gira per le case dei suoi pazienti in abiti informali, e che privilegia innanzitutto il rapporto umano con i malati che incontra. La scintilla è scoccata quando Jim Birmant, che sarebbe poi diventato co-sceneggiatore, ha proposto a Séguéla di scrivere un giallo che avesse come protagonista un dottore. Ecco la scintilla. Séguéla ha avuto l’intuizione di lasciare l’ambientazione notturna, di togliere la tematica da giallo e di spostare la storia sulla commedia, in modo da poter unire in un contrasto comico le due figure su cui stava riflettendo: l’esperto dottore e il giovane inesperto.

Una volta scritta la sceneggiatura, andavano scelti i due protagonisti e, a detta del regista Tristan Séguéla, bisognava partire dall’attore che avrebbe interpretato Serge. Il suo pensiero andò subito a Michel Blanc, un attore esperto, un volto noto e apprezzato in tutto il paese, una garanzia di comicità. Blanc è soprattutto un grande attore capace di dare profondità al personaggio, come dimostrano le molte candidature ai premi César, e soprattutto il riconoscimento per la miglior interpretazione maschile vinto a Cannes nel 1986 per il film Lui portava i tacchi a spillo. Blanc si è innamorato immediatamente della sceneggiatura, perché, come ha dichiarato “non siamo in una commediucola, in cui ci si accontenta di mettere insieme due persone che non si somigliano minimamente e che bisticciano dall’inizio alla fine del film per far ridere. Succede qualcosa tra questi due uomini, c’è una trasmissione tra i due”. Blanc mise solo un veto: voleva conoscere prima l’altro protagonista, chi avrebbe interpretato Malek, proprio perché, per la buona riuscita del film, l’alchimia tra i due doveva essere semplicemente perfetta.
Per il ruolo sono stati provinati circa centocinquanta giovani comici, ma Hakim Jemili, che col suo collettivo Le Woop su YouTube ha più di 3,5 milioni di iscritti, è sembrata da subito la scelta migliore. Il regista e il co-sceneggiatore sono andati in gran segreto a un suo spettacolo, in un piccolo locale di Parigi, e ne sono usciti innamorati della sua comicità, ma soprattutto della sua personalità e della presenza scenica.
Chiamate un dottore!, che dal 10 settembre il pubblico italiano può finalmente godersi in sala, è la prima esperienza sul grande schermo di Hakim Jemili, che dopo il grandissimo seguito in televisione e sul web, compie finalmente il grande passo. Per farlo, con tutta l’emozione di ritrovarsi davanti a un mostro sacro della comicità francese come Michel Blanc, ha eseguito una preparazione maniacale. Lui, Hakim Jemili, che stava per diventare un calciatore professionista ma che in seguito a un incidente ha dovuto abbandonare questo sogno, ha dichiarato di essere tornato a fare la vita da atleta, con alimentazione sana e letto presto, e già due mesi prima delle riprese aveva imparato a memoria le battute sue e di tutti gli altri attori del cast!
Tutto questo, l’enorme lavoro da parte di entrambi, le dritte del più esperto al più giovane, e la vivacità che il più giovane ha portato al più esperto, sono ben visibili in Chiamate un dottore!, un film che non ha momenti morti, e in cui ci si rende conto, man mano che il film va, di quanto eccezionale sia la sintonia tra Blanc e Jemili, di quanto entrambi si siano genuinamente divertiti nel girare il film.

Un ulteriore spunto, una chiave di lettura che fa capire come Chiamate un dottore! sia un film ricco di senso oltre che di comicità, ce la offre il regista Tristan Sèguèla, che ha dichiarato: “Sono sempre stato attaccato all’idea che i comici riproducessero sul set ciò che si svolgeva narrativamente nel film: dietro alla storia di una persona che non è ancora medico, ma che imparerà a diventarlo, c’era la storia di una persona che non è ancora attore ma che imparerà a diventarlo, il tutto sotto l’impulso di un comico di grande esperienza che gli suggerisce le battute e che gli affida, in un certo senso, le chiavi del film. Non solo questo parallelo mi stava molto a cuore – il film racconta anche della nascita di un attore -, ma questo doppio livello di lettura mi ha anche aiutato molto a sapere cosa stessi facendo”.
Non c’è dubbio che chi lo vedrà in sala, ne uscirà innamorato.


Torna alle News


Nostalgia di Mario Martone sarà presentato in Concorso al 75º Festival di Cannes
NOSTALGIA è una produzione PICOMEDIA e MAD ENTERTAINMENT in associazione con MEDUSA FILM e in coproduzione con ROSEBUD ENTERTAINMENT PICTURES ed è distribuito da MEDUSA FILM NOSTALGIA Dopo quarant’anni di lontananza Felice torna lì dov’è nato, il rione Sanità, nel ventre di Napoli. Riscopre i luoghi, i codici del quartiere e un passato che lo divora Pierfrancesco Favino, foto di Mario Spada Pierfrancesco Favino e Francesco Di Leva, foto di Mario Spada Mario Martone, foto di Mario Spada Scarica le foto MEDUSA FILM presenta NOSTALGIA un film di MARIO MARTONE con PIERFRANCESCO FAVINO, FRANCESCO DI LEVA, TOMMASO RAGNO, AURORA QUATTROCCHI, SOFIA ESSAIDI, NELLO MASCIA, EMANUELE PALUMBO, ARTEM, SALVATORE STRIANO, VIRGINIA APICELLA tratto dal romanzo NOSTALGIA di Ermanno Rea una produzione PICOMEDIA e MAD ENTERTAINMENT in associazione con MEDUSA FILM e in coproduzione con ROSEBUD ENTERTAINMENT PICTURES realizzata da MAD ENTERTAINMENT una coproduzione italo – francese in associazione in partecipazione con ARTE CONFINOVA in collaborazione con PRIME VIDEO con il contributo di REGIONE CAMPANIA con il contributo di FILM COMMISSION REGIONE CAMPANIA Opera realizzata con il sostegno della REGIONE LAZIO Fondo Regionale per il Cinema e l’Audiovisivo Avviso pubblico Attrazione produzioni cinematografiche PROGETTO COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA Prodotto da LUCIANO STELLA, ROBERTO SESSA, MARIA CAROLINA TERZI, CARLO STELLA Coprodotto da ANGELO LAUDISA una distribuzione MEDUSA FILM      
Prima immagine di Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone nel film di Roberto Andò “La Stranezza”
Da sinistra: Salvo Ficarra, Toni Servillo, Valentino Picone – foto di Lia Pasqualino “La Stranezza”, infatti, è ambientato nel 1920, anno in cui Luigi Pirandello, durante un viaggio in Sicilia, incontra Onofrio Principato e Sebastiano Vella, due teatranti che stanno provando con gli attori della loro filodrammatica un nuovo spettacolo. L’incontro tra il geniale autore dei “Sei personaggi in cerca d’autore” e i due dilettanti porterà grandi sorprese. Le riprese, 8 settimane circa, tra Roma e la Sicilia, si concluderanno a fine marzo. La regia è di Roberto Andò che ha scritto la sceneggiatura insieme a Massimo Gaudioso e Ugo Chiti. Oltre a Toni Servillo nei panni di Luigi Pirandello, Salvo Ficarra e Valentino Picone in quelli di Onofrio Principato e Sebastiano Vella ci saranno anche Renato Carpentieri, Donatella Finocchiaro, Luigi Lo Cascio, Galatea Ranzi e Fausto Russo Alesi. A produrre sono Attilio De Razza e Angelo Barbagallo per Bibi Film, Tramp Limited, Medusa Film e Rai Cinema e in collaborazione con Prime Video.
Al via “Mediaset per l’Ucraina”
Una raccolta fondi lanciata attraverso tutte le reti televisive, i tg, i programmi radiofonici, i siti internet e i social del Gruppo Mediaset: al via da oggi giovedì 3 marzo 2022 “Mediaset per l’Ucraina”, la campagna di Mediafriends a sostegno delle iniziative umanitarie della Caritas Italiana. In collegamento con le Caritas locali, l’organismo della Chiesa italiana sta già mettendo in atto una risposta concreta all’emergenza nelle aree più critiche colpite dal conflitto: accoglienza delle famiglie, trasporto dei profughi verso familiari o centri collettivi di riparo e assistenza, fornitura di personale specializzato per prendersi cura di bambini e anziani. Tutto il sistema di comunicazione Mediaset si unirà per sensibilizzare il pubblico italiano a sostenere anche economicamente le popolazioni che stanno soffrendo. Per un primo aiuto sarà possibile effettuare versamenti sul conto corrente intestato a Mediafriends, codice IBAN IT92R0103020600000055555575, con la causale “Mediaset per l’Ucraina” o a effettuare una donazione online collegandosi alla pagina mediafriends.it. Appena possibile i mezzi di informazione Mediaset comunicheranno il numero telefonico solidale attraverso cui procedere agli aiuti. Tutto il ricavato della campagna “Mediaset per l’Ucraina” sarà interamente devoluto alla Caritas Italiana e sarà cura di Mediafriends rendicontare al pubblico tutti gli interventi svolti grazie alla generosità di chi avrà contribuito. Cologno Monzese, 3 marzo 2022 INFO SU MEDIAFRIENDS Mediafriends è la Onlus costituita nel 2003 da Mediaset, Mondadori e Medusa. L’Associazione persegue fini di solidarietà sociale finalizzati alla comunicazione delle iniziative sociali e alla raccolta di fondi da destinare a progetti di beneficenza. www.mediafriends.it Scarica il comunicato
Scopri tutti i Film
Nostalgia
Dal 25 Maggio al cinema
Una Femmina
Scopri di più
Supereroi
Scopri di più
Mollo tutto e apro un chiringuito
Scopri di più
Trafficante di Virus
Scopri di più
Claudio Baglioni – In questa storia che è la mia
Scopri di più
Una notte da Dottore
Scopri di più
YARA
Scopri di più
Con tutto il cuore
Scopri di più


Medusa Film Spa


Sede legale - Viale Aventino 26 00153 Roma | Cap. Soc. € 120.000.000,00 int. vers. | Registro delle Imprese di Roma 03723360156 | P. Iva: 04980391009 | Num. lic. SIAE 1927/l/1954

Chiudi