Andiamo a Quel Paese

  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
  • Andiamo a Quel Paese Ficarra e Picone
Andiamo a Quel Paese

Eravamo felici. E mentre i nostri produttori continuavano ad abbracciarci e a darci pacche sulle spalle, noi soddisfatti pensavamo: “Finalmente! Andiamo a quel paese”. (Ficarra & Picone)

pagina facebook

Titolo

Andiamo a Quel Paese

Nazione

Italia

Genere

Commedia

Anno

2014

Cast

Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Fatima Trotta, Tiziana Lodato, Lily Tirrinnanzi, Nino Frassica

Regia

Ficarra e Picone

Uscita

06/11/2014

Produzione

Attilio De Razza con Medusa Film

Sinossi

All’inizio di questa divertentissima storia, Valentino e Salvo – amici di vecchia data, rimasti disoccupati – decidono di cambiare vita e trasferirsi dalla città al piccolo comune siciliano di Monteforte, paese d’origine di Valentino e della moglie di Salvo, Donatella, nella speranza di limitare le spese. L’impatto dei nuovi arrivati con la piccola realtà del paese, però, è abbastanza complicato, specie per Salvo, abituato alla vita di città. A questo si aggiunge il fatto che Salvo, con la sua famiglia, va a vivere in casa con la suocera e che il piccolo centro pare essere abitato solo da anziani.

Salvo e Valentino, sempre in cerca di una soluzione per sbarcare il lunario, trovano modo di sfruttare la cosa a loro favore, trasformando la casa in una specie di ospizio improvvisato. Il patto è chiaro: “Voi ci date la pensione e noi ci occupiamo di voi!”. Gli affari in principio fioriscono. Peccato che un giorno, complice una serie sfortunata e improbabile d’incidenti mortali, i vecchi sopravvissuti si convincano che la casa sia stata colpita dal malocchio e decidano di sloggiare. L’unica a non cedere, al ricatto della superstizione, è Lucia, l’anziana zia della moglie di Salvo: lei non se la sente di lasciare Valentino, Salvo e la sua adorata nipote sul lastrico.

Salvo, però, sa bene che nessuna pensione è per sempre. Quando zia Lucia non ci sarà più chi penserà a loro? Così, durante una notte insonne, gli viene in mente la soluzione: Valentino deve sposare zia Lucia! Solo così la pensione sarà salva e la sua famiglia potrà raggiungere l’agognata sicurezza economica! Valentino e Lucia progettano di sposarsi in gran segreto al comune di Palermo, così da sfuggire agli occhi indiscreti dei paesani. Ma a Monteforte la notizia è così succulenta da metterci pochissimo ad arrivare alle orecchie di tutti. I primi a gridare allo scandalo sono: l’anziano parroco Padre Benedetto, il burbero brigadiere dei carabinieri, e Carmelo il nullafacente nipote della donna, che vorrebbe mettere le mani sulla pensione della zia.

L’unica a non accorgersi di nulla pare essere Roberta, l’ex fidanzata storica di Valentino, tornata in paese dopo una brutta separazione sentimentale. Ma non tutti i mali vengono per nuocere e così in tutto il paese si assiste ad un rifiorire delle anziane rivitalizzate dalle attenzioni nuove riservate loro dai giovani disoccupati. La messa in scena prosegue fino all’imminenza del matrimonio ma un impensabile imprevisto verrà però a sconvolgere i loro piani e quelli dell’intero paese.